Pd, scritte razziste a Città Castello

CITTA' DI CASTELLO (PERUGIA), 1 AGO - Scritte di colore verde, inneggianti al vicepremier Matteo Salvini, "accompagnate però, da frasi razziste, infamanti figure di alto profilo morale", come ad esempio don Luigi Ciotti, e con riferimenti al duce o Totò Riina sono comparse su alcuni muri di Città di Castello. Lo hanno denunciato il capogruppo del Pd in consiglio comunale, Gaetano Zucchini, il consigliere Luciano Tavernelli e l'ex parlamentare Franco Ciliberti. I tre nella notte le hanno cancellate con pennello e vernice. Per gli esponenti del Pd tifernate non è la prima volta che queste scritte compaiono e "altre imbrattano gran parte della città", con il Comune già intervenuto per cancellarle. Tavernelli, Zucchini e Ciliberti hanno spiegato di averle ricoperte "perché non è possibile chiudere gli occhi, su queste nefandezze e apologie di reato". "Non ci abitueremo al silenzio - hanno detto - che significa complicità. Tale gesto è stato fatto per risvegliare la sopita coscienza democratica".

Altre notizie

Notizie più lette

  1. SienaFree
  2. GoNews
  3. Maremmanews
  4. Siena News
  5. Il Giunco

Gli appuntamenti

In città e dintorni

SCOPRI TUTTI GLI EVENTI

Sinalunga

FARMACIE DI TURNO

    Nel frattempo, in altre città d'Italia...